Appalti pubblici: il Governo approva il nuovo Codice

Articolo originale a cura di ingenio-web.it

del rio

Dopo 15 anni di Legge Obiettivo, la normativa sugli Appalti Pubblici volta pagina.

Per Delrio “Semplificare e rendere il sistema all’altezza di un Paese europeo”; “L’attenzione sarà alla qualità non più al prezzo più basso”.

In occasione della riunione del Consiglio dei Ministri tenutasi questa mattina 3 marzo, è stato approvato il nuovo codice per gli appalti pubblici.
Ad annunciarlo il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Graziano Delrio che, nella conferenza stampa seguita al consiglio dei ministri, ha tenuto sottolineare l’aspetto “rivoluzionario” della riforma che mira a rendere il sistema dei lavori pubblici e delle concessioni finalmente all’altezza di un grande Paese europeo.
Per il Nuovo Codice, SEMPLIFICAZIONE, TRASPARENZA, LOTTA ALLA CORRUZIONE, e QUALITÀ saranno le parole chiave che lo contraddistingueranno. Una semplificazione che parte prima di tutto da una riduzione degli articoli che lo compongono, passando dai 660 articoli 1500 commi del precedente Codice ai 217 articoli dell’attuale.
Molte le novità, prima fra tutte il rafforzamento del ruolo conferito all’ANAC nella lotta contro la corruzione negli appalti. All’ANAC saranno infatti assegnati nuovi compiti certificati a cui – promette il ministro -corrisponderanno anche risorse adeguate. Secondo il nuovo testo infatti all’ANAC saranno affidati funzioni di controllo, monitoraggio ed anche capacità sanzionatorie nonché di adozione di atti di indirizzo quali linee guida, bandi e contratti tipo.
Cambieranno le regole sulla qualificazione come sarà prevista l’introduzione del Bim (building information modeling) nelle gare di appalto.
Diverso sarà anche il rapporto con il privato, che sulle opere pubbliche si assumerà un rischio operativo “autentico”. “il rischio operativo – ha commentato Delrio -sarà in capo al soggetto privato. Lo Stato non sarà obbligato a ripianare perdite su rischi assunti dai privati. Sembra una banalità, ma non era così. Con il nuovo codice questa sarà la regola. I privati avranno un rischio vero”.

ADDIO AL MASSIMO RIBASSO.
Sul punto caldo del massimo ribasso il ministro è stato molto chiaro “Basta con il massimo ribasso, che resterà solo per casi assolutamente marginali e ben normati. Gli appalti verranno assegnati in base al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. L’attenzione sarà alla qualità non più al prezzo più basso”.


CENTRALITA’ DEL PROGETTO.
Nel nuovo Codice la progettazione torna ad assumere un ruolo fondamentale e si articola in tre livelli: progetto di fattibilità, progetto definitivo e progetto esecutivo doses of synthroid. Obiettivo: limitare il numero di varianti di progetti e l’aumento di costi e tempi.
Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a reply